Code corte naturali (NBT)

Agosto 2013

 

In base alle statistiche, da quando questa caratteristica è stata annoverata sui certificati anagrafici, almeno 1 Australian Shepherd su 5 presenta una coda naturalmente corta. La normale lunghezza della coda ed il numero delle vertebre, nonostante all’interno della stessa razza sia uguale o molto simile, variano considerevolmente nei cani. Le code normali si assottigliano; le vertebre diventano più piccole verso il fondo, dando l’impressione di finire a punta. In un cane nato senza coda ne mancano alcune delle ed essa terminerà in maniera alquanto brusca. I dati relativi al sondaggio sulla salute ASGHI 2009-10 indicano che circa il 47% degli esemplari aveva un quarto o più di coda e che il 10% degli NBT presentava una coda ad uncino.

Il gene (incompleto dominante, come il merle) che causa la coda corta è stato trovato anche negli Aussie. I cuccioli che ereditano due coppie di geni NBT muoiono precocemente e vengono riassorbiti, causando un numero ridotto di nati per cucciolata. I cani che presentano una sola coppia di geni sono NBT, ma i geni stessi non determinano la lunghezza della coda o se la coda termina dritta o ad uncino, caratteristiche, queste, che possono essere controllate da geni differenti o dal DNA regolatore. I cani NBT non devono essere accoppiati tra loro, in modo particolare se le code sono molto corte. Qualora vengano accoppiati, potrebbero produrre cuccioli con la spina bifida o con altri difetti del midollo spinale lombare. Il sondaggio ASGHI ha anche rilevato che il 2% dei cani allevati avevano prodotto cani NBT con difetti talmente gravi da dover ricorrere all’eutanasia. Posto il fatto che si tratta di una percentuale riguardante tutti i cani da riproduzione del sondaggio, molti dei quali non sono NBT, la percentuale reale negli accoppiamenti NBT x NBT potrebbe anche essere maggiore.

Traduzione di Oriana Zago