Epilessia canina

Che cosa è, ciò che non è e che cosa fare al riguardo
Pubblicato la prima volta in Double Helix Network News, Summer 2002, Rev. May 2013
di C.A. Sharp, traduzione a cura di Valeria Rapezz

 

Lonny venne svegliato dal letto che si muoveva. Essendo cresciuto in California, il suo primo pensiero intontito fu, “Terremoto ! ” Si sedette con il cuore in gola, abbastanza sveglio per ricordare che viveva in Kansas ora. Ma il letto continuava a tremare.
Oso, il suo migliore amico , il suo bell’Aussie black tri, giaceva gemendo accanto a lui . Qualcosa puzzava. Lonny  parlò a Oso per rassicurarlo mentre cercava per la luce sul comodino. Essa si accese . Accanto a lui, Oso si scuoteva in preda a una crisi convulsiva. Gli occhi del suo cane erano vitrei, il suo corpo rigido. Le gambe di Oso agitarono e le mascelle scattarono davanti al nulla. Urina e le feci avevano macchiato il copriletto.
Il cuore di Lonny batteva nel petto e gli occhi erano offuscati di lacrime. Che cosa stava accadendo al suo meraviglioso cane? Balzò fuori dal letto. Oso si trovava vicino al bordo opposto, in pericolo caduta e a rischio di colpire un cassettone. Lonny tirò il copriletto per spostare Oso al centro del materasso. Voleva così tanto abbracciare Oso e consolarlo, ma non osò toccarlo a causa delle ganasce che scattavano alla cieca. Incapace di fare altro, Lonny parlò dolcemente al suo amico fino a quando la crisi di Oso si fermò.

Né Lonny né Oso sono reali, ma ci sono troppi Australian Shepherd come Oso e troppe persone come Lonny che devono affrontare regolarmente l’orrore di guardare un cane amato soffrire di ripetute crisi epilettiche. Negli anni ’80 , l’epilessia è stata solo occasionalmente osservata nella razza. Dalla fine degli anni ’90 è diventata una delle malattie ereditarie più comuni negli Aussie .
L’ epilessia primaria (a volte chiamato idiopatica) è facile da diagnosticare in modo errato. Il trattamento è disponibile, ma non senza effetti collaterali o il rischio che la malattia non risponda . Non solo sono presenti fattori genetici finora sconosciuti, ma la maggior parte dei cani colpiti non svilupperà la malattia fino all’età adulta rendendo difficile allevare per eliminare questa patologia. Spaventa gli allevatori, tanto che alcuni insistono che quello che è successo non era epilessia o addirittura mentono sul fatto che si è verificato nelle loro linee, complicando ulteriormente gli sforzi per ridurre la sua frequenza. Poiché è così comune, dicono altri in modo fatalista – è ovunque, così che cosa si può fare?
L’epilessia ereditaria è la malattia neurologica più comune nei cani. Si è vista sia nei cani di razza che nei meticci, ma alcune razze, come l’Aussie, la presentano con un’incidenza molto più elevata rispetto alla media nei cani nel loro complesso, a causa del pool genetico limitato tipico di ogni popolazione di razza. I fondatori di qualsiasi determinata razza avranno solo un sottoinsieme di tutte le versioni di geni – buoni e cattivi , presente nelle specie canina.
La selezione di generazione in generazione per caratteristiche desiderate limiterà ulteriormente il pool genetico e non tutti i geni conservati saranno desiderabili. Se, ad un certo punto della storia di una razza, un particolare riproduttore o linea di sangue diventa predominante, possono insorgere problemi ereditari apparentemente dal nulla, semplicemente perché i tentativi di concentrare i geni desiderabili di individui selezionati possono inavvertitamente portare insieme a sé eventuali geni indesiderati presenti.
Il termine ” idiopatica”, spesso applicato all’epilessia ereditaria, significa di causa sconosciuta. La terminologia è stata sviluppata in un momento in cui nessuno aveva capito che i geni potrebbero causare la malattia. Epilessia primaria è un termine migliore; indica che l’epilessia non è causata da qualche altro fattore.

Altre cause di Convulsiioni:

– Squilibrio chimico del corpo
– Tumore o altre malattie del cervello
– Infezione, soprattutto con febbre alta
– Farmaci
– Veleno
– Trauma cranico grave

L’epilessia è una malattia convulsiva. Sia l’epilessia che le singole crisi possono essere causate da una serie di cose: trauma cranico, esposizione a una sostanza tossica, infezioni, febbre, squilibri chimici del corpo, e malattie del cervello per citarne alcuni. Quando un cane ha una crisi, il compito del veterinario è quello di individuare e trattare la causa. Verrà raccolta un’anamnesi dettagliata per determinare se al cane è accaduto  qualcosa che potrebbe causare crisi epilettiche o se potrebbe essere affetto da qualche altra malattia. Il veterinario chiederà ciò che il cane ha fatto di recente, dove è stato, che farmaci sta prendendo, se ha mostrato segni di malattia diversi dalla crisi convulsiva.
Se il cane non è stato portato in clinica durante una crisi, come spesso accade, il veterinario vi chiederà una descrizione dettagliata delle crisi – ciò che il cane ha fatto prima, durante e dopo, come si verificano gli attacchi e quanto siano gravi. Saranno eseguiti esami del sangue per assicurarsi che l’emocromo e la chimica corporea siano normali . Se si sospetta una lesione, possono essere eseguite radiografie.
Potrebbe essere eseguita una risonanza magnetica per vedere se ci sono danni o malattie del cervello. Se viene trovata una causa, il cane sarà trattato per quella, nella speranza di alleviare o addirittura fermare gli attacchi. Se c’è un danno cerebrale, le crisi possono continuare e richiedono un trattamento anti-convulsivante. Tale cane ha una epilessia secondaria – una epilessia causata da una causa identificata.
Se un cane ha l’epilessia ereditaria, tutti i test saranno negativi. In questo momento non esiste un test positivo per questa malattia e, negli Aussies, nessun esiste test del DNA. Si tratta di una diagnosi per esclusione – sono state escluse tutte le altre possibilità ragionevoli. I cani con epilessia ereditaria continueranno ad avere crisi epilettiche a intervalli. Gli intervalli possono essere fino a settimane o mesi o più corti una o più volte in un solo giorno. Il cane non può essere curato. Probabilmente avrà convulsioni per il resto della sua vita. Le convulsioni possono causare un danno cumulativo all’area interessata del cervello. Le crisi a volte uccidono.
A causa del rischio di danno cumulativo di crisi epilettiche ripetute, i farmaci anti-convulsivanti possono essere necessari. Qualsiasi cane che è colpito più di una volta al mese, probabilmente dovrebbe essere messo sotto cura. I costi variano a seconda del farmaco e alcuni sono molto costosi. Essi hanno anche effetti collaterali seri e richiedono monitoraggio. Il veterinario curante deve determinare quale farmaco o combinazione di farmaci è la cosa migliore per ogni cane in particolare. In molti casi, il trattamento inizia con una dose maggiore per tenere le crisi sotto controllo. Poi, nel tempo, il farmaco sarà adeguato per una dose minima efficace. Anche sotto cura, i cani epilettici continueranno a avere crisi; lo scopo del trattamento è quello di evitare che accada troppo spesso. Può essere necessario modificare i farmaci di volta in volta, e ogni cane epilettico dovrebbero avere regolari check-up veterinari per monitorare l’epilessia così come gli effetti collaterali dei farmaci. Non ogni cane risponderà ai farmaci. A volte i farmaci devono essere cambiati. Alcuni cani possono raggiungere un punto in cui non rispondono a nessuno dei farmaci disponibili.
Le crisi spesso sviluppano un modello, non solo in frequenza, ma in ciò che le innesca. I proprietari di cani epilettici dovrebbero tenere un registro delle crisi, annotando la data, l’ora, le circostanze e la gravità della crisi per propria informazione e quella del veterinario curante. Se il veterinario curante non ha mai visto il cane durante la crisi, come spesso accade, può essere utile fare un filmato.

Tenere un registro delle Crisi:

– Data
– Ora del giorno
– Gravità
– Durata
– Comportamento del cane prima / dopo
– Cosa stava succedendo poco prima

Il veterinario deve essere contattato dopo la crisi per riferirne le circostanze. Una visita può o non può essere necessaria a quel punto, ma se il cane ha una seconda crisi si dovrebbe assolutamente andare dal veterinario per gli esami e i test del caso.Alcuni cani hanno crisi di notte durante il sonno, altri possono avere una crisi quando sono molto impegnati in qualcosa (spesso attività entusiasmanti). Sapere quando è probabile che il vostro cane avrà una crisi può aiutare a impedirgli di ferirsi durante la crisi.
Quando inizia una crisi, altri animali e bambini dovrebbero essere allontanati dalla zona circostante. Rimuovere qualsiasi cosa nelle vicinanze che potrebbe essere danneggiata o danneggiare il cane se ci andasse a sbattere conto. Parlate con il cane in tonalità di voce rilassanti. Non toccate il cane o mettete le mani dentro o attorno alla bocca del cane per non essere accidentalmente morsi. I cani durante la crisi possono reagire a qualsiasi contatto scattando e possono causare lesioni gravi.
La maggior parte dei cani saranno intontiti e disorientati dopo una crisi. Questo stato può durare un paio d’ore o alcuni giorni. Assicuratevi che il cane ha un posto tranquillo per riposare e scoraggiate gli altri animali o i bambini dal dare fastidio al cane fino a quando non si sente di nuovo normale. Se sentite che il cane non si sta riprendendo correttamente, contattare il vostro veterinario.

Vivere con l’epilessia è angosciante. Ci sono organizzazioni di sostegno per le persone i cui cani hanno l’epilessia. ( Vedere i riferimenti alla fine dell’articolo ). A volte parlare con le altre persone che si occupano dello stesso problema è di grande aiuto. Hanno vissuto la stessa cosa e sanno esattamente quello che state attraversando. Essi possono anche essere in grado di offrire suggerimenti che contribuiranno a rendere più facile la vostra vita e quella del vostro cane, mentre affrontate la malattia.
L’epilessia presenta una serie di problemi per il proprietario di un cane e un’altra serie per l’allevatore. Si tratta di una malattia terribile e non è qualcosa che ogni allevatore vorrebbe produrre, ma evitarla può essere difficile. Non sappiamo esattamente come si trasmetta da una generazione a quella successiva. I cani possono non sviluppare la malattia fino a quando non sono abbastanza vecchi da avere già una prole. La mancanza da parte di alcuni di divulgare informazioni, può rendere impossibile per gli altri con i cani imparentati di evitare accoppiamenti a rischio.
Mentre l’epilessia primaria è ormai riconosciuta come ereditaria, la modalità di trasmissione negli Aussies non è ancora nota. Ci sono diversi tipi geneticamente distinti di epilessia, anche se una qualsiasi razza probabilmente ne avrà un solo tipo. Negli Australian Shepherd, chiaramente non è dominante o si vedrebbe seguendo le linee dirette da genitore a figlio, generazione dopo generazione. Una condizione legato al sesso porterebbe a molti maschi affetti più delle femmine, ma non è questo il caso. Diversi anni di ricerca genetica non sono riusciti ad imputare la causa a un singolo gene e il lavoro più recente indica che più geni possono essere coinvolti. Pertanto, un genitore sano può produrre figli affetti ed entrambi i genitori devono essere portatori anche se il contributo di ciascuno può variare.
Poiché questa malattia è così devastante per il proprietario e per il cane colpito e poiché a volte può uccidere, l’autore scoraggia fortemente l’uso continuato per la riproduzione di qualsiasi cane che è un parente diretto di un cane epilettico. Ciò include genitori, fratelli e figli. Parenti più lontani dovranno essere riprodotti con cura perché hanno un potenziale per il trasporto di geni che causano epilessia. Quanto più essi sono legati al cane colpito, maggiore è il rischio.

Controllo ulteriore della diffusione dell’Epilepsia:

– Non accoppiate parenti stretti ( genitori, fratelli , prole ) dei cani affetti.
– Supportate i progetti di ricerca, fornendo i dati sui cani affetti e dei loro parenti.
– Se un test diventa disponibile, controllate tutti i riproduttori a rischio.
– Siate aperti con altri allevatori, se si è verificato un caso di epilessia nei vostri cani.

I parenti dei cani epilettici sono loro stessi a rischio di avere l’epilessia. Se un cane è destinato all’allevamento, non si dovrebbe farlo fino a quando non ha almeno tre o quattro anni. La maggior parte cani affetti cominceranno ad avere crisi epilettiche circa attorno ai due anni di età. Ad Aussies di appena 8 mesi di vita è stata diagnosticata epilessia ereditaria. I cani con più di quattro anni di età a volte sviluppano la malattia, ma questo è relativamente raro. [NOTA : Negli Aussies, cuccioli molto piccoli non presentano segni di epilessia primaria. Se un giovane cucciolo sta avendo convulsioni c’è qualche altra causa.]

Se questa malattia deve essere controllata nella nostra razza , gli allevatori hanno bisogno di darle una priorità elevata. I pedigree dei cani colpiti dovrebbero essere condivisi apertamente. La comunità della razza deve essere di supporto nei confronti di coloro che si fanno avanti, e scoraggiare coloro che nascondono questo problema nei loro cani. Più circoleranno apertamente le informazioni tra gli allevatori, più possibilità si avranno per evitare l’accoppiamento tra due cani ad alto rischio.
Conoscere la modalità di trasmissione e essere in grado di identificare i portatori sarebbe un grande vantaggio per gli allevatori. Ma scoprire la modalità di trasmissione e lo sviluppo di un test di screening richiede la ricerca. La ricerca richiede dati su cani colpiti insieme a campioni di DNA. Si prega di sostenere studi di ricerca in corso sull’epilessia sia fornendo campioni sia attraverso l’assistenza ASHGI con il sostegno finanziario. Questo è l’unico modo in cui possiamo ottenere un test di screening del DNA per questa malattia.
Con un test del DNA gli allevatori avrebbero saputo in anticipo che i cani svilupperanno la malattia in modo da poterli monitorare per la cura e non accoppiarli. Sapere che i cani portano geni epilessia permette agli allevatori di evitare la riproduzione di cani affetti. Come si ridurrà la frequenza della malattia, la preferenza può essere data ai cani che non sono portatori, riducendo gradualmente la frequenza dei geni indesiderabili senza sacrificare le buone qualità possedute da cani portatori.

Arriverà il giorno in cui non ci saranno più Oso e i Lonny nel mondo non dovranno più inginocchiarsi accanto a loro cani colpiti in attesa della fine della crisi. Ma prima di poter arrivare a ciò, gli allevatori hanno bisogno per rendere il controllo dell’epilessia una priorità importante, sostenendo i proprietari di cani affetti e lavorare con veterinari e ricercatori verso il controllo genetico della malattia.

 

Risorse online:

Canine Epilepsy Resource Center
Canine Epilepsy Guardian Angels  
Epilepsy (  www.canineepilepsy.co.uk/ )
Toby’s Foundation

Facebook:
Canine Epilepsy Awareness   
Epilessia nell’Australian Shepherd