La strada per l’Inferno

Epilessia e l’Australian Shepherd

di C. A. Sharp, traduzione a cura di Valeria Rapezz
Pubblicato inizialmente su Australian Shepherd Journal, Jul/Aug 2003
Vincitore di un 2003 DWAA Maxwell Premio

Quanto segue è un registro delle crisi epilettiche tenuto dal proprietario di un pastore australiano con epilessia .

 

25 Ag. 9:00am attacco epilettico
9 Sett. 1:45pm attacco epilettico
10 Sett. 3:30pm attacco epilettico
6:10pm attacco epilettico
9:10pm attacco epilettico
10:40pm attacco epilettico
11 Sett. 1:25pm attacco epilettico
3:30pm attacco epilettico
2 Nov. 5:20am attacco epilettico
7:20am attacco epilettico, semi-cosciente
12:00pm attacco epilettico, ricoverato
17 Dic. 9:00am >attacco epilettico, Primidone aumentato
1:00pm attacco epilettico
6:10pm attacco epilettico
7:20pm attacco epilettico, preceduto da un miglioramento.
Ricoverato in clinica di emergenza , ha continuato le crisi durante la notte facendone altre 3 fino al giorno successivo. Dimesso alle 08:00
18 Mar. 12:15pm attacco epilettico
3:15pm attacco epilettico
4:45pm attacco epilettico, 1.75cc bromuro di potassio extra
6:20pm attacco epilettico, .5gr Fenobarbitale
7:05pm attacco epilettico, 5mg Valium
7:20pm attacco epilettico
8:20 pm attacco epilettico
9:35pm attacco epilettico, altri 5mg Valium
10:25pm portato in clinica di emergenza, crisi epilettiche continuate per tutto il weekend
8:00am dimesso in stato di incoscienza e con terapia EV, portato dal veterinario curante
22 Mar. Impossibile controllare le crisi
23 Mar. Impossibile controllare le crisi
24 Mar. 11:00am Crisi controllate solo con livelli tossici di fenobarbitale e bromuro di potassio. Dimesso, detto da due veterinari che se le crisi si fossero nuovamente verificate non ci sarebbe stato più nulla da fare.
27 Mar. Crisi.  Eutanasia

Immaginate una donna anziana che perde il suo amato compagno in questo orrore. Immaginate un bambino che assiste il suo migliore amico che si contorce con crisi epilettiche. Immagina te stesso e il cane così caro al tuo cuore passare attraverso questo inferno. E ‘questo quello che vuoi per la nostra razza?

Poco più di un decennio fa, la comunità Australian Shepherd ha iniziato a vedere i primi segnali che l’epilessia può essere una preoccupazione nella razza. Quei segni sono diventati cartelloni pubblicitari mentre abbiamo continuato a correre per per perseguire altri interessi. Oggi, pochi allevatori possono affermare che le loro linee sono libere da questa terribile malattia. La strada che abbiamo preso da lì a qui è di nostra scelta, ma non è troppo tardi per uscire da questa strada per l’inferno. Possiamo tenere questa malattia sotto controllo se abbiamo la volontà di farlo.

Una lezione dalla storia
L’epilessia è una malattia canina comune. Casi sporadici si verificano nei meticci ed ogni razza pure. Quando viene diagnosticato un gruppo correlato di cani di razza pura, potrebbe indicare un problema serio per quella linea, se non un’intera razza. Nei primi anni ’90 a diversi cani nel Regno Unito è stata diagnosticata l’epilessia. Gli Aussies erano relativamente nuovi fuori del Nord America. Come spesso accade quando una razza è introdotta in un nuovo paese, i primi cani in Gran Bretagna erano imparentati fra loro.

La reazione iniziale nel Regno Unito non è stata costruttiva e prefigurava cose a venire su scala mondiale. I principali attori hanno immediatamente adottato una posizione di difesa, nel tentativo di mettere a tacere coloro che hanno parlato apertamente attraverso minacce e coercizione. Un nucleo di appassionati nella razza non si lasciò intimidire. Di fronte a una piccola popolazione, linee di sangue imparentate tra loro e severe restrizioni alle importazioni, quelli che stavano dalla parte della razza collaborarono per limitare la diffusione dell’epilessia. Hanno condiviso pedigree di animali colpiti, hanno raccolto campioni per la ricerca, e importato nuove linee di sangue. Nel frattempo, noi in America del Nord siamo rimasti indifferenti, respingendo la situazione del Regno Unito come perdersi in un bicchier d’acqua lontano da noi: era un loro problema, non il nostro. Ma stavamo per ricevere una sveglia.

Nel 1994 un annuncio memoriale posto da Pat Culver, un proprietario che ha perso lasua  giovane cagna, è apparso nel numero di settembre / ottobre del Aussie Times. Come la maggior parte annunci memoriale, aveva una foto, il nome registrato del cane e le sue date di nascita e di morte. A differenza di molti, ha dichiarato la causa della morte e ha dato due generazioni di pedigree. Il registro di crisi che apre questo articolo è stato registrato da Culver.

L’annuncio ha creato un subbuglio di breve durata. Com’era prevedibile, alcuni allevatori di cani strettamente correlati fecero sapere a Culver e agli altri che erano furiosi. Non c’era niente di sbagliato nei loro cani e la cagna di Culver non avevano avuto nulla di ereditario. Altre persone hanno discusso la necessità di un’azione e la condivisione di pedigree di soggetti colpiti. Culver, l’autore, e Ann DeChant, un allevatore che aveva molteplici casi di epilessia in una cucciolata, non strettamente correlata alla cagna di Culver, hanno cercato di radunare persone, chiedendo loro di prendere seriamente la minaccia dell’epilessia. Dopo una raffica iniziale di risposte, l’interesse svanì.

Ho fatto un accoppiamento con due cani che erano vicini ai cani di fondazione della nostra razza. Il pedigree ha cani che sono comunemente visti in qualsiasi/maggior pedigree Aussie. Nelle due cucciolate che ho prodotto da questo accoppiamento, ho 6 su 11 cuccioli che hanno avuto convulsioni. Alcuni hanno iniziato ad averle a 2 anni 1/2 e gli altri non le hanno avute fino a più di cinque anni. Ho inviato una lettera al direttore del Aussie Times riguardo la mia esperienza, e negli anni successivi a quello che mi è accaduto, ho sentito da tanti proprietari di Australian e allevatori che hanno incontrato l’epilessia, che la mia conclusione deve essere che si tratta di un grave problema nella nostra razza. Mentre sento di aver eliminato questo problema dal mio programma di allevamento, il numero crescente di Australiani epilettici sembra indicare che è diffuso nella nostra razza e potrebbe venire da qualsiasi parte. Questa è una cosa di cui abbiamo bisogno di parlare apertamente come allevatori. Sento che il sano futuro della nostra razza dipende da questo!    – Ann B. DeChant 

Col passare del tempo, sempre più Aussies sono stati segnalati con epilessia negli Stati Uniti, Canada,  Australia e alcuni paesi europei. Allevatori e in particolare proprietari di stalloni, hanno negato che i cani erano stati colpiti, hanno negato che l’epilessia era la causa delle crisi, e hanno negato che i geni avrebbero potuto venire da loro lato del pedigree. E la band suonava mentre hanno continuato il loro valzer autodistruttivo.

Nel frattempo, l’epilessia attirava l’attenzione al di fuori della comunità di razza. Una veterinaria il cui collegamento agli Australian Shepherds era limitato a ciò che aveva visto nella sua clinica, ha osservato che ogni volta che il tema epilessia veniva tirato fuori in una riunione di veterinari, gli Australian erano ” sempre ” una delle razze menzionate. Diversi anni fa, due gruppi di ricerca in cerca di epilessia canina, VetGen e la University of Missouri, inclusero gli Australian tra le razze da indagare. La risposta da parte degli allevatori australiani è stata sporadica, impedendo i loro sforzi per individuare il gene o i geni responsabili.

Oggi, l’epilessia fa concorrenza alla cataratta per il dubbio onore di più comune malattia ereditaria del Pastore australiano. Le linee da show sono piene di questo problema e almeno due linee non-show sono colpite. Dato il silenzio che circonda la malattia, possono essere di più. In una recente discussione sull’epilessia, un allevatore osservò: “Ho avuto un nuovo arrivato nella razza, un’amica che possiede una bella cagna, seduta accanto a me durante il BOB, e continuava a chiedermi di cani che vedeva che pensava le sarebbero piaciuti come potenziali stalloni… sono rimasto sorpreso nel ritrovarmi a dire silenziosamente, ‘ No, ha prodotto l’epilessia … no, lui ha l’epilessia in parenti stretti dietro di lui … no, lui è troppo strettamente legato agli altri di cui hai appena chiesto… ‘ Un cane dopo l’altro, tutti i cani di cui ha chiesto sapevo che avevano avuto problemi di epilessia. La povera donna era stordita, credo. Devo ammetterlo, sono costernato per i rischi che  cosiddetti stimabile allevatori prendono. Ma niente mi sorprende più. E ‘triste . ”

Claire Gustafson, un’altra allevatrice che ha riscontrato epilessia nei suoi cani, ha osservato: “Se pensi che non influenzi le tue linee, so solo che non stai parlando con le persone giuste. Questa non è una malattia che può magicamente sparire in tre o quattro o cinque generazioni, e molti dei moderni pedigree da show di oggi si estenderà nei programmi di riproduzione di diverse persone ( senza contare le numerose persone che possono essere indirettamente coinvolte attraverso la proprietà dei fratelli, fratellastri , zie , zii, cugini, ecc ) non ci sono praticamente rimasti pedigree che non presentino un certo livello di rischio attraverso un portatore o un parente affetto – . E’ semplicemente una questione di parlare con abbastanza persone per scoprire dove si trova il rischio, è necessario formare strategie di allevamento oggi, come se in ogni cane o cagna di razza ci fossero già portatori nei loro pedigree, perché ci sono probabilità, che sia così “.

Come può accadere una cosa del genere?
Parte del problema deriva dalla natura della malattia stessa. Da tempo è stata definita “l’epilessia idiopatica”. Il termine “idiopatica” significa “di causa sconosciuta”; è utilizzato perché non esiste un test diagnostico positivo per l’epilessia; è diagnosticata escludendo tutte le altre cause ragionevoli. Oggi, quasi tutte le autorità veterinarie concordano che l’epilessia ” idiopatica ” è ereditaria. Forse la malattia sarebbe meglio se fosse denominata epilessia “familiare” o “primaria”.

Un altro contributo alla nostra situazione è la Sindrome dello struzzo, un termine che ho coniato due decenni fa per descrivere il rifiuto costante di riconoscere i fatti spiacevoli di origine genetica.
“E ‘qualcosa nella vostra acqua . ”
“Gli hai fatto una vaccinazione . ”
“Lei è stata punta o morsa da qualcosa . ”
“Stai alimentando con il cibo sbagliato . ”
“La casetta da giardino era aperta, deve aver preso dentro qualcosa . ”
“Ha battuto la testa . ”
Eccetera…

Uno dei miei preferiti di tutti i tempi è “colpo di calore”. L’ipertermia grave può indurre convulsioni, però, il cane in questione era a lavorare con il bestiame nel nevischio. Dubito che ci sia alcuna linea di lavoro di pastore australiano con un mantello così eccessivo da incorrere in un colpo di calore in quel tipo di clima.

Ci sono molte cose che possono causare crisi epilettiche. Un’accurato controllo veterinario è necessario in modo che il cane possa ricevere il trattamento adeguato. Mentre le scuse di cui sopra indicano altre possibili cause, la maggior parte non rischiano di provocare episodi convulsivi ripetuti a lungo termine, avrebbero sintomi aggiuntivi, oppure potrebbero essere identificate attraverso test.

Dopo aver lottato duramente contro la sindrome dello struzzo, l’allevatore Dusty Craig ebbe a dire: “Ho sempre amato il termine di CA per gli allevatori che possono ammettere i problemi. Quando si tratta di un problema così marcio come l’epilessia, alcuni dei grandi nomi della nostra razza danno un nuovo significato al termine. Continuando a seppellire i problemi e la testa sotto la sabbia, potrà solo assicurarvi che non ci saranno più linee pulite e l’Australian sarà accomunato con altre razze da incubo genetico – . . una razza da cui stare lontano da causa di tutti i problemi. Ora ridete, ma quando le vostre femmine produrranno più problemi in una cucciolata rispetto al numero di cuccioli e il vostro stallone diventerà come un rifiuto radioattivo per gli altri allevatori, vi chiederete come questo sia potuto accadere. Non ce n’era bisogno. Condividere le informazioni piuttosto che fare una  pretestuosa caccia alle streghe o diffondere voci infondate, potrebbe avervi dato la conoscenza di cui avete bisogno per prendere attente decisioni di allevamento informate, che sarebbero state per il bene della razza. Che concetto , eh ? ”

Dopo aver scoperto come gli allevatori tengano segreta l’epilessia idiopatica … gli stessi allevatori che guardavo come allevatori affidabili… Io devono ripensare la definizione di ‘allevatore di buona reputazione’. Ora mi chiedo che cosa gli “allevatori rispettabili” sono disposti a sacrificare per ottenere un titolo su un cane.

Noi condanniamo “i cagnari” per non fare i test genetici che riteniamo essere così importanti … Quanta sofferenza possono causare gli allevatori “rispettabili” nascondendo informazioni genetiche critiche prima di chiamarli ‘cagnari’.

Se non fosse così triste, sarebbe comico. Quelli che raccontano le loro storie sull’epilessia idiopatica sono condannati e minacciati di azioni legali, mentre coloro che obbediscono ai piccoli segreti sporchi si da una pacca sulla schiena. Potrebbe essere che “l’allevamento per migliorare la razza” non è altro che la raccolta di titoli senza alcun pensiero per la salute genetica o il futuro? – Diana Oliver

L’etichetta “idiopatica” è stata strumentalizzata dalle mani di coloro che soffrono di sindrome dello struzzo. Dal momento che non esiste un test definitivo, un cane con crisi ricorrenti sicuramente deve avere qualcosa di diverso. Non importa quali test sono stati eseguiti, ci sarà qualcosa che gli struzzi possono indicare che non è stato fatto o non può essere fatto, permettendo loro di esonerare i geni dei loro cani. Qualcosa che spesso sfugge all’attenzione degli struzzi è il fatto che molti di queste altre cause sono anche malattie genetiche.

Questo aspetto della negazione ha giocato anche a favore di coloro che sono completamente incapaci di ammettere le cose. Gli Incorreggibili consapevolmente coprono tutto e vanno avanti come al solito. Il loro comportamento può essere semplice come qualcuno che soffia via chi porta un caso di epilessia alla loro attenzione o praticare qualche variante di ” spara, pala, e zitto ” con i cani problematici. Gli Incorreggibili con anzianità nella razza o che hanno acquisito un certo status sono noti per abusare della loro posizione per intimidire o costringere gli altri in silenzio. Questo comportamento è talvolta accoppiato con la giusta condanna di linee di sangue di quegli allevatori che apertamente ammettono di aver avuto un problema.

Le modalità di attacco degli Incorreggibili combacia con la tendenza fin troppo umana dei pettegolezzi. La paura di campagne di pettegolezzi e la condanna pubblica ha trattenuto più di un paio di persone dal condividere apertamente delle informazioni sull’epilessia. La paura è ulteriormente aggravata da coloro che evitano gli allevatori che ammettono apertamente la difficoltà preferendo quelli che dicono loro quello che vogliono sentire.

Entrambi gli Incorreggibili e gli Struzzi hanno rallentato gli sforzi della ricerca, rifiutando di fornire campioni dei loro cani. Le informazioni fornite ai progetti sono confidenziali; non hanno bisogno di temere l’esposizione. Se sono corretti e non c’è nulla di sbagliato nella genetica dei loro cani, gli studi compiuti lo mostreranno.

Questo mi sta molto a cuore, e ancora vivo nell’incubo . E ‘ difficile credere che dopo 30 anni in cui ho mantenuto il mio naso piuttosto pulito, sono stata colpita da questo. Ho mandato tutto quello che ho avuto che era collegato a Vet Gen e spero che aiuterà, ma da quello che ho capito non ci sono abbastanza persone che inviano campioni di famiglie per farlo. Sto sterilizzando le ultime due femmine della mia linea di mia proprietà, e che peccato che è … sono veramente carini cani, ma non posso correre il rischio.

 Nessuno dovrebbe avere a passare attraverso questo, ma fino a quando non tutti possono essere onesti e aiutare con questo problema, non potrà mai essere fermato. – Brenda Dean

L’epilessia è ormai così diffusa che gli allevatori incontrano particolari difficoltà a trovare accoppiamenti senza rischi. Il velo di segretezza e di negazione rende impossibile sapere con certezza dove si dovrebbe andare. Alcuni allevatori colpiti sono diventati così scoraggiati che hanno rinunciato all’allevamento o hanno abbandonato del tutto la razza. Alcuni fanno spallucce: ” E ‘ovunque”.  Forse se avessimo prestato più attenzione dieci o dodici di anni fa, non lo sarebbe.

Uno sguardo da vicino
Poiché la mancanza di uno strumento diagnostico positivo è fondamentale per il problema della negazione, la cosa migliore sarebbe l’identificazione di geni responsabili a livello di genetica molecolare. Sapere quali geni sono coinvolti e come sono mutati per causare la malattia fornirebbe non solo una diagnosi positiva per cani malati, ma un modo per identificare quelli che potrebbero ammalarsi e individuare i portatori prima di metterli in riproduzione. Un test di screening del DNA potrebbe ridurre notevolmente il rischio di produrre cani affetti. I portatori che sono di alta qualità possono essere accoppiati con non portatori e quindi il meglio della loro prole non carrier, utilizzato per perpetuare le loro qualità positive. Le conoscenze acquisite inoltre aggiungerebbero alla comprensione del processo della malattia e potrebbero in ultima analisi portare ad un migliore trattamento.

Forse lo studio genetico di maggior successo sull’epilessia canina in una razza di cani fino ad oggi è stato quello condotto da Anita Oberbauer, PhD e Thomas R. Fanula, PhD , presso l’Università della California, Davis. Oberbauer e Fanula hanno iniziato il loro lavoro con il belga pastore e il belga Tervueren, due razze – così strettamente legate che in gran parte del mondo sono considerate varietà di una sola razza. Hanno trovato che l’epilessia in questi cani è poligenica con un singolo locus che ha un grande effetto. I cani devono avere una versione difettosa del gene al locus in oggetto per avere la malattia, anche se una combinazione di altri geni determinerà se, quando e quanto gravemente un individuo sarà malato. Oberbauer sta attualmente lavorando allo sviluppo di un test di screening del DNA per quelle razze e ha ampliato i suoi studi per includerne molte altre. Quando l’ho contattato per questo articolo ha dichiarato: “Ho il sospetto che le crisi in alcune razze siano causate una diversa serie di geni rispetto a quelli osservati nei belgi”.

Oberbauer non è la sola di questo parere. Dr. Ned Patterson presso l’Università del Minnesota, sta unendo gli sforzi con l’Università del Missouri. Egli ha identificato una forma autosomica recessiva apparente di epilessia nei Vizsla. Sta anche esaminando gli Springer Spaniel, in cui una maggior parte dei cani affetti sono maschi, anche se i motivi di ciò non sono ancora chiari.

I cani da pastore belga, i Vizsla e gli Springer Spaniel non sono strettamente correlati all’Australian Shepherd. La genetica della malattia nella nostra razza potrebbe facilmente essere diversa da uno qualsiasi o da tutti questi. Gli Aussies hanno bisogno di un proprio studio e, come detto in precedenza, ce ne sono due in corso, il che è a nostro vantaggio. I ricercatori per VetGen e quelli presso l’Università del Missouri stanno quasi certamente prendendo diversi approcci al problema. Avere diverse persone altamente qualificate che guardano la situazione da diversi punti di vista, ci offre una migliore possibilità di avere il nostro particolare puzzle risolto.

Ho guardato pedigree di oltre un centinaio di accoppiamenti che hanno prodotto l’epilessia. Ho il sospetto che non a un singolo gene nella nostra razza. Non può essere dominante perché salta spesso generazioni. Sembra che ci siano numeri equivalenti di maschi e femmine affetti, quindi non è X-linked. Funziona chiaramente nelle famiglie , ma alcuni individui e alcune famiglie sembrano produrne molto più spesso di altri, che indica che non può essere una semplice caratteristica recessiva .

Alcuni allevatori hanno suggerito che l’epilessia è dominante a penetranza incompleta. Questo significa che c’è un singolo gene dominante ma i cani con il gene non mostrano sempre il tratto. Quelli con la Sindrome dello struzzo e gli Incorreggibili amano questo modo di eredità, perché consente loro di puntare il dito contro chi possiede l’altro genitore di un cane colpito. Essi convenientemente dimenticano il fatto che, anche se ciò fosse vero, non c’è modo di dire con certezza da quale genitore proviene.

La penetranza incompleta in sé è discutibile. Una volta ho fatto uno sforzo concertato per individuare una malattia ereditaria in cani che si è dimostrata essere dominante a penetranza incompleta. Non riuscivo a trovare uno. “Dominante a penetranza incompleta” è il modo di un genetista di dire “sembra che potrebbe essere dominante, ma non del tutto adatta al modello”. In altre parole, ci sono probabilmente altri geni coinvolti. Ma l’unico modo che avremo mai sapere con certezza è se verranno identificati i geni coinvolti .

VetGen ha iniziato a studiare gli Australian a metà degli anni ’90 dopo che Ann DeChant parlò loro in uno stand che avevano istituito presso un’esposizione, per sollecitare il sostegno di un altro progetto. Sono stati raccolti campioni di DNA da gruppi familiari che comprendono due fratelli pieni colpiti e almeno tre fratelli o genitori pieni non affetti. Avevano bisogno di un minimo di dieci famiglie complete per procedere e hanno trascorso diversi anni cercando di accumulare i dati, grazie alla mancanza di cooperazione da allevatori, proprietari di fratelli e, più in particolare, i proprietari di riproduttori. Ora hanno 11 famiglie complete e una famiglia parziale. Anche se questo soddisfa i loro requisiti minimi per i dati sufficienti per iniziare ulteriori indagini, il progetto avrà una migliore speranza di successo se ne acquisiranno di più. Essi hanno identificato un gene candidato probabile in un progetto parallelo sui Collie, ma non si può ancora dire se vedono qualcosa di simile negli Aussies.

L’Università del Missouri sta conducendo un sondaggio on -line sull’epilessia negli  Australian e in diverse altre razze. [ vedi barra laterale “Epilepsy Research and Resources”]. Si sta seguendo un approccio multi-razza, determinando i modelli di ereditarietà all’interno razze e individuando le somiglianze e le differenze tra di loro. Mentre vogliono i campioni di DNA sui cani attualmente colpiti e i loro familiari, raccolgono anche informazioni sui cani epilettici vivi e defunti attraverso il sondaggio. Attualmente hanno campioni di DNA da 71 australiani, dodici dei quali sono affetti. Questo numero non è sufficiente per loro per trarre qualsiasi conclusione sulla nostra razza.

Cosa fare?
Ciò che è accaduto fino ad oggi non può essere annullato, ma questo non significa che dovremmo accettare lo status quo come un normale, anche se sgradevole, aspetto della razza. Ci sono cose che possiamo fare .

La più ovvia è sostenere VetGen e l’Università del Missouri con informazioni e campioni. Se non ottengono abbastanza dati, non avremo mai un test di screening e i nostri cani continueranno a soffrire.

Fino a quando un test non sarà disponibile, gli allevatori hanno bisogno di evitare di riprodurre i cani più colpiti. Poiché questa malattia può infliggere terribili sofferenze sia al cane che alle persone che lo amano, mi sento di dire che non è saggio continuare a riprodurre qualsiasi parente di primo grado di un cane con epilessia. Ciò significherebbe genitori, fratelli e figli. Ci sono numerosi Australian negli Stati Uniti e in Canada. Se abbiamo la volontà potremmo continuare senza utilizzare gli animali più problematici. Per gli allevatori all’estero, tuttavia, può essere più difficile.

Lisa Pugh, una donna inglese che ha combattuto in trincea con l’epilessia dalla sua prima comparsa nel Regno Unito ha commentato: ” Gli allevatori devono essere aperti e onesti circa i problemi di salute, poiché il silenzio e l’intransigenza colpiscono la razza in tutto il mondo. La quarantena per i cani per il Regno Unito in arrivo dagli Stati Uniti e dal Canada è stata sostituita dal passaporto, questo potrebbe ampliare il nostro patrimonio genetico o reintrodurre i problemi di salute che gli allevatori britannici hanno lavorato duramente per eradicare”.

In un certo numero di paesi al di fuori del Nord America, eliminare tutti i cani con un problema nel pedigree potrebbe non essere possibile se la razza è da continuare ad allevare. Spese, restrizioni all’importazione e quarantene hanno reso lento il processo di espansione delle popolazioni d’oltremare. La restrizione di pool genetici già ristretti può risolvere un problema portandone altri alla ribalta.

Non importa dove siete nel mondo, si dovrebbe evitare l’accoppiamento di parenti stretti di un cane colpito con cani che hanno anch’essi parenti interessati dalla patologia. Evitare croci che hanno produttori noti o cani affetti da entrambi i lati del pedigree. Anche se queste misure non forniranno una garanzia al 100 % di non produrre un cane colpito, si ridurrà il rischio.

Ma non possiamo fare nulla di tutto questo se non si comincia a parlare gli uni agli altri. Smettere di trattare l’epilessia come se foste personalmente infettati da una malattia sessualmente trasmessa. Prendetela per la collottola, tiratela fuori dall’armadio e portatela  alla luce del sole. Se tutti apertamente condividessimo informazioni su quali accoppiamenti hanno prodotto l’epilessia, gli accoppiamenti più rischiosi potrebbero essere evitati. Abbiamo bisogno di mitigare questo con la consapevolezza che questo problema è così diffuso che non possiamo rifiutare ogni animale con una storia di epilessia in famiglia. Allevatori con linee di sangue a basso rischio devono essere disposti a condividere quei geni.

Alcuni stanno tentando di “provare” le loro linee con accoppiamenti di prova. Ci sono diverse ragioni per cui questo non è un approccio saggio per controllare l’epilessia. Non sappiamo la modalità di trasmissione. Se l’epilessia è poligenica, non è possibile cancellare gli animali attraverso la prova di accoppiamento. Anche con tratti dati da un singolo gene, a meno che la modalità non sia nota, non vi è alcun modo di valutare i risultati della cucciolata per dichiarare pulito il vostro cane. L’epilessia solito non inizia fino a quando un cane è di almeno un paio d’ anni e spesso si presenta più tardi. Né la vita di allevamento del cane, né la pazienza dell’allevatore sono abbastanza lunghe per attendere lo status definitivo su tutti i cuccioli di una cucciolata di prova. Infine, dato il grave impatto che questa malattia ha sulla salute degli individui affetti e le emozioni di chi li ama, non è etico rischiare deliberatamente di produrre cani epilettici, per “testare” i riproduttori.

La gente comincia a prendere iniziative positive contro l’epilessia. Kathy Usher ha condiviso la storia del suo cane Rascal nell’articolo di Janet White nel numero di gennaio / febbraio del Journal. Il numero che state leggendo contiene due articoli che trattano diversi aspetti della malattia. La gente ne parla nelle esposizioni e nelle liste di discussione sulla razza. Quando contattato per questo articolo, Usher ha dichiarato: “Persone che non avrebbe toccato questo argomento un anno fa si sono aperte a me. Ora stiamo avendo conversazioni aperte a bordo ring su cani che abbiamo allevato, di proprietà o discendenti dei nostri allevamenti che producono epilessia idiopatica”.

Un gruppo di persone interessate si è riunito presso l’Australian Shepherd Club of America National Specialty nel novembre dello scorso anno. Questo ha portato ad un movimento di massa di allevatori che condividono pedigree informativi, per educare gli altri circa la malattia, e incoraggiare la partecipazione ai progetti di ricerca.

Kristin Rush, che recentemente ha avuto cani colpiti da epilessia, riassume la situazione : “Credo che il futuro della nostra razza sarà notevolmente influenzato dal modo in cui gli allevatori di oggi reagiscono a questo problema crescente, e le decisioni che prendono per quanto riguarda i loro piani di allevamento. Gli allevatori possono scegliere di ignorare il problema e sperare che se ne vada, che dubito seriamente accada, oppure possono fare un passo avanti, riconoscere che c’è un problema, assumersi la responsabilità di esso quando accade e, infine, salvaguardare la salute e benessere degli Aussies di domani”.

 

L’epilessia non deve distruggere l’Australian Shepherd. Non deve distruggere il cuore di persone che amano i loro cani. Siamo in grado di disattivare di questa strada per l’inferno, se solo abbiamo la volontà di farlo.