Arterie Ialoidee

Maggio 2013

 

Le arterie ialoidee sono strutture fetali che nutrono l’area in via di sviluppo del cristallino e che si estendono dal disco ottico al centro della parte posteriore del cristallino stesso. Talvolta parte o tutto il vaso sanguigno rimane attiva anche dopo (arterie ialoidee persistenti se intere o residuo ailoideo se parziali), occasionalmente trasportano ancora sangue (arteria ialoidea palese). Alcune arterie ialoidee persistenti spariscono durante le prime settimane di vita. Solitamente si tratta di difetti innocui che non hanno impatto sulla vista, ma talvolta all’inserzione del cristallino si può associare la cataratta. Questa situazione può progredire sino a rendere il cane cieco nell’occhio affetto.

Le arterie iaoloidee non sono considerate un problema ereditario, comunque la loro associazione con la cataratta e la frequenza con la quale ricorrono tra i cani che hanno fatto parte dello studio sulla CEA nei primi anni 90 è ragione di interesse. Prima di quando si riuscirà a stabilirne l’ereditarietà o la non ereditarietà, si sconsiglia di riprodurre un cane con una cataratta ialoidea associata. Se un soggetto presenta questo difetto, è necessario selezionare un partner pulito e che non sia portatore di CEA.

Tradotto a cura di: Oriana Zago